I laboratori di PSIKè: le COSTELLAZIONI FAMILIARI

I laboratori di PSIKè: le COSTELLAZIONI FAMILIARI Le Costellazioni Familiari sono un metodo di presa di coscienza e risoluzione delle più diverse problematiche della nostra vita. Dallo stato di malessere psichico, a sintomi fisici di varia natura. Questa metodologia si avvicina molto alle tecniche ed alle tematiche utilizzate in ambito psicodinamico. La tecnica infatti dichiara di basarsi su teorie e prassi psicologiche, a partire dalla psicoanalisi, riprendendo poi molti aspetti dalla psicoterapia della Gestalt, dalla psicoterapia sistemico familiare, dall'ipnosi eriksoniana, e dallo psicodramma di Moreno. (altro…)
Leggi tutto

ANALISI DEL SOGNO IN GRUPPO

I laboratori di PSIKè: ANALISI DEL SOGNO IN GRUPPO L’analisi dei sogni effettuata in gruppo risulta particolarmente utile a vari livelli: dei conflitti individuali e familiari, delle relazioni oggettuali, dei movimenti transferali e controtransferali, fino ad un livello più profondo in cui, dallo sfondo collettivo del gruppo, si stagliano immagini collettive. Analogamente a quanto accade nella psicoanalisi individuale il lavoro sui sogni nel gruppo facilita il superamento delle resistenze, accelerando in tal modo lo sviluppo della persona e del gruppo stesso. Va detto anzitutto che l'analista del gruppo, come l'analista individuale, cerca sempre di restare legato all'analisi del sognatore. Ovvero tenta di contestualizzare e vagliare l'attività onirica utilizzando le informazioni…
Leggi tutto

Padre o figlio?

La certezza di divenire genitori spinge inevitabilmente la coppia verso il futuro, ma allo stesso tempo, la riporta nei ricordi legati al passato. Per quanto riguarda l'uomo, in particolare, questo continuo avanzare e indietreggiare attraverso il tempo ha un suo risultato psicologico molto importante: rivisitare la propria infanzia, comprendere il proprio sviluppo e portare a termine cose lasciate in sospeso con la propria famiglia: un percorso necessario per preparare il padre verso il suo nuovo ruolo. C'è il passaggio dalla condizione di figlio a quella di padre, che comporta l'affrontarsi/scontrarsi con i propri genitori sullo stesso campo, quello della genitorialità. L’interpretazione psicodinamica della paternità vede il neo-padre nuovamente in una…
Leggi tutto

Il gioco d’azzardo patologico

Il gioco d'azzardo patologico è considerato come una vera e propria forma di “dipendenza senza droga”. Il D.S.M. IV (manuale diagnostico e statistico dei disturbi mentali) propone i seguenti criteri e devono essere presenti almeno 4 dei sintomi seguenti:. Coinvolgimento sempre crescente nel gioco d'azzardo (ad esempio, il rivive esperienze trascorse di gioco, pianifica la prossima impresa di gioco, escogita modi per procurarsi il denaro per giocare) Bisogno di giocare somme di denaro sempre maggiori per raggiungere uno stato di eccitazione Irrequietezza e irritabilità quando si tenta di giocare meno o di smettere Il soggetto ricorre al gioco come fuga da problemi o come conforto all'umore disforico (ad esempio, senso…
Leggi tutto

Laboratorio per l’alimentazione

I bambini con problemi neurologici o di relazione hanno spesso timore del cibo, dei gusti nuovi, della temperatura, della consistenza diversa. Ove vi sono ritardi motori o paralisi degli arti la paura del cibo è aumentata dalla mancanza dell'esperienza sensoriale tipica della prima infanzia: tocco, prendo, assaggio, mordo.... Buono! Mi piace...                Che schifo!                  Non lo voglio più.... Così come nei casi in cui i bambini hanno avuto approcci traumatici con alcuni cibi al momento dello svezzamento. I laboratori dell'alimentazione aiutano i bimbi a conoscere il cibo e ad aumentare la propria fiducia rispetto alle proposte fatte loro a tavola. Come li aiutiamo? Scegliere, Toccare, Sentire, Provare, Annusare, Guardare, Schiacciare, Assaggiare...…
Leggi tutto

Trauma, una opportunità di crescita personale

Sono state individuate diverse possibili strade che possono essere seguite dopo lo scontro con un evento scioccante. La resilienza rappresenta il percorso post-traumatico più favorevole, si evidenzia una tendenza a mantenere un equilibrio stabile nel funzionamento, nonostante i malesseri transitori. Questa importante capacità di conservare un certo grado di integrità psicofisica è paragonabile ad una reazione psicologica efficace simile a quella del sistema immunitario quando il corpo combatte e sconfigge un’infezione. Una sintomatologia temporanea post-traumatica parziale può essere considerata frequente e transitoria in seguito ad eventi ad alto impatto emotivo, soprattutto in seguito al confronto con i tradizionali “eventi oggettivamente traumatici”. Tale guarigione generalmente è connessa ad una rapida e…
Leggi tutto

Come aiutare vostro figlio a superare la paura

Molte delle paure infantili vengono superate spontaneamente, ma se vostro figlio ha una paura che dura da tempo o che influisce molto sulla vita di tutti i giorni o nei rapporti con gli altri, ecco alcune idee per aiutarlo a superarla. -Siate calmi e sicuri di voi. L’ansia può essere contagiosa. -Evitate di rassicurarlo in maniera eccessiva, potreste convincerlo che c’è veramente qualcosa da temere. L’iperpretozione non favorisce la formazione del coraggio. -Parlando troppo spesso davanti a lui di paure o fobie potreste aggravarle; meglio quindi evitare che vi ascolti quando parlate di questi argomenti con altri. -Se è di un oggetto, di un animale o di uno spazio (p.e.…
Leggi tutto

L’attacco di panico

All’improvviso e, senza apparente motivo, si scatena un uragano di sensazioni: palpitazioni galoppanti, col cuore che batte all’impazzata, tremori, dispnea, sensazione di soffocamento, dolore al petto, formicolio o torpore in qualche distretto corporeo, sudorazione fredda, brividi, vampate di calore, vertigini, nausea, sensazione di vuoto alla testa e di sbandamento, senso di svenimento, derealizzazione (perdita del contatto con la realtà), depersonalizzazione (perdita del contatto con se stessi), paura di perdere il controllo o di impazzire, paura di morire. Spesso la persona che ne è colpita prova a ‘gestirlo’ mettendo in atto una serie di comportamenti protettivi che nella maggior parte dei casi peggiorano la situazione amplificando le sensazioni del panico (l’iperventilazione,…
Leggi tutto

La depressione reattiva

La depressione reattiva è uno stato depressivo strettamente legato ad un avvenimento doloroso ma con un'intensità e durata sproporzionate rispetto alla "normale" reazione di fronte a simili eventi. Elemento principale che caratterizza questo disturbo è un sentimento di tristezza vissuto a livello cosciente e con estrema partecipazione. Generalmente non si presentano invece perdita di autostima, sensi di colpa o di inadeguatezza. Non è sempre facile distinguere questo tipo di depressione dalla 'depressione nevrotica', poiché chi soffre di quest'ultima forma tende a reagire in senso depressivo di fronte a situazioni ed eventi stressanti. La differenziazione si basa principalmente sulla diretta ed inequivocabile connessione tra l'inizio della sintomatologia e l'evento scatenante. Tanto…
Leggi tutto

La Psicologia Giuridica

L'incontro tra Psicologia e Diritto ha portato alla nascita di uno specifico settore: la Psicologia Giuridica La psicologia giuridica è una disciplina che applica la psicologia al mondo legale e forense. Sia il diritto che la psicologia, infatti, si occupano prevalentemente del comportamento umano. Attualmente sta vivendo un periodo di considerazione e riconoscimento da parte del diritto; ciò è dovuto da un lato, ad una maggiore sensibilità del mondo forense alle problematiche psicologiche di alcuni casi specifici in cui si ravvisa la necessità di un supporto tecnico al fine di meglio comprendere, dall’altro alla capacità che la psicologia ha saputo mostrare nel rispondere ai quesiti che il diritto le pone…
Leggi tutto